I giovani vogliono lavorare, ma nelle aziende manca il ricambio generazionale

L'analisi gio 23 giugno 2022

Termoli TermoliOnLine traccia un resoconto sulla curva del lavoro a Termoli, puntando i riflettori sulle cause che sono alla base della carenza di impiego ma, soprattutto, di lavoratori.

Attualità di Valentina Cocco
2min
Giovani cercano lavoro (foto archivio) ©Getty Images
Giovani cercano lavoro (foto archivio) ©Getty Images

TERMOLI. ‘Trovati un posto fisso’. Quante volte i nostri genitori hanno sentito questa frase dai nostri nonni e quante volte l’hanno detta a noi. Quello del lavoro a tempo indeterminato, come definito ultimamente, è divenuta una chimera: il lavoro scarseggia sempre di più, molte aziende stanno chiudendo anche in seguito alla crisi pandemica e gli aiuti statali sembrano gli unici in grado di dare un sospiro di sollievo alle tante famiglie in difficoltà.

Ma è davvero così? È giusto dire che i giovani non vogliono lavorare perché il reddito di cittadinanza basta loro? Lo abbiamo chiesto alle agenzie di somministrazione di lavoro, le cosiddette agenzie interinali, che ci hanno aiutato a tracciare un quadro che si distacca notevolmente da quelle che sono divenute le ormai note ‘scusanti’ alla mancanza di lavoro.

Ciò che emerge fin dalla prima telefonata è la voglia dei giovani di lavorare, il desiderio di mettersi alla prova e di guadagnare un po’ di soldi per le proprie necessità soprattutto con lavoretti saltuari durante il periodo estivo: “Non riscontriamo difficoltà nel reperire giovani che vogliono lavorare – confessa un’agenzia interinale termolese – Molti ragazzi hanno trovato occupazione in stabilimenti balneari, bar, ristoranti e pizzerie come baristi, camerieri, pizzaioli. L’unico ramo che non copriamo è quello del salvataggio (bagnini ndr). Molti dei nostri iscritti hanno trovato anche un impiego stabile, non solo temporaneo”.

D’altro canto esiste una difficoltà oggettiva nel trovare lavoratori a causa delle aziende. Solo negli ultimi anni, infatti, le imprese hanno iniziato a rivolgersi alle agenzie di somministrazione di lavoro per cercare lavoratori da inserire nei loro organici: “Siamo un settore ancora poco attenzionato da parte delle aziende. Si preferisce mettere annunci su internet per cercare lavoratori piuttosto che rivolgersi a noi”.

E allora la domanda sorge spontanea. Chi sono coloro che percepiscono i sussidi statali? “Molti di coloro che prendono il cosiddetto reddito di cittadinanza sono persone che svolgono lavori senza contratto o sono tagliati fuori dal mondo lavorativo perché la loro mansione è superata”. Mansione superata, ovvero la professionalità, assunta con tanti anni di esperienza, che viene surclassata da nuove tecniche e tecnologie in un mondo in cui il cambiamento la fa da padrone.

Eppure le bacheche delle agenzie di lavoro interinale sono piene di richieste di addetti, soprattutto nel settore meccanico, ma mancano le competenze in grado di coprire quel posto creando un mismatching tra domanda ed offerta. Proprio la professionalità è il nodo cruciale che creerebbe il mancato ricambio generazionale che, in alcuni settori, non conosce la crisi dettata dall’avanguardia tecnologica: “È difficile, al giorno d’oggi, trovare le professionalità. Mancano saldatori, operatori macchine utensili e molto spesso ci troviamo di fronte ad un mancato ricambio generazionale”.

Questo ’circolo vizioso’ crea anche la crisi di molte aziende che si vedono costrette a chiudere i battenti: “La formazione non basta più, servono anni di pratica che nella maggior parte dei casi non ci sono. Molte imprese chiudono principalmente a causa del mancato ricambio generazionale”.

Sembra strano pensare che non ci sia lavoro per i saldatori o per gli operatori di macchine utensili, eppure si rischia di andare incontro ad una carenza di materia prima, il lavoratore appunto, essenziale per far sopravvivere grandi ma soprattutto piccole e medie aziende come quelle molisane.

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione