Pochi ginecologi disponibili, sospeso il trasporto Stam al San Timoteo

Ci risiamo mer 22 giugno 2022
Attualità di La Redazione
2min
L'ospedale San Timoteo di Termoli ©TermoliOnLine
L'ospedale San Timoteo di Termoli ©TermoliOnLine

TERMOLI. Sette ginecologi sulla carta, molti meno in servizio. La carenza d’organico nei reparti della sanità pubblica si manifesta anche quando i numeri teorici non la contemplerebbero. Tuttavia, dalla teoria alla pratica, la corsia resta quasi vuota. Perché succede? Beh, ci sono le contingenze, come nel caso di specie del reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale San Timoteo di Termoli, sempre in attesa di rinforzi, sia ben chiaro. Dei cinque che mancavano ieri all’appello, uno è esonerato da alcuni incarichi per motivi di salute, tre sono infortunati o indisponibili per varie questioni, infine l’ultimo fuori per attività congressuale.

Alla fine della fiera, nell’impossibilità di garantire una adeguata copertura, l’Uoc, già nel mirino della struttura commissariale e del tavolo tecnico, vede ormai quasi quotidianamente le interlocuzioni dell’Asrem per sopperire alle mancanze e ai vuoti di personale. Com’è avvenuto in questa settimana, quando lunedì sono state dimesse due donne, che hanno preferito tornare a casa, piuttosto che essere trasferite altrove e questo è il leitmotiv di chi vuole restare al San Timoteo, o meglio che vuole che il Punto nascita non chiuda. La coperta è sempre troppo corta.

Obiettivo sempre quello, reperire medici al fine di evitare la sospensione dei ricoveri ostetrici nel reparto del San Timoteo per la carenza di ginecologi turnisti. Infatti per la presenza di limitazioni, maternità, malattie e l’inizio delle ferie estive, irrinunciabili per contratto, già un mese fa si erano ridotti a 2 i medici che possono effettuare i turni notturni, insufficienti quindi a garantire l’assistenza h 24 alle gestanti e alle puerpere.

Vennero chiesti ulteriori sacrifici ai medici di Termoli e sono stati coinvolti i ginecologi di Campobasso per scongiurare la chiusura, in attesa di una soluzione strutturale che si aspetta da troppo tempo e che passa attraverso il reperimento di unità tramite avvisi pubblici a tempo determinato e concorsi per assunzione a tempo indeterminato, visto che l’ultimo concorso per 9 ginecologi di cui 3 da assegnare a Termoli ha visto la sola riconferma di una ginecologa già presente con contratto a tempo determinato.

Ieri, peraltro, il direttore dell'unità operativa complessa facente funzioni di Ginecologia e Ostetricia all'ospedale San Timoteo di Termoli, Dino Molinari, ha inviato una nota al direttore sanitario Evelina Gollo, al direttore sanitario del plesso di viale San Francesco, Reimondo Petrocelli, al direttore facente funzioni del Pronto soccorso Antonio Sorella e al direttore del 118, Adriana Ricciardi, per disporre l'interruzione del servizio Stam in reparto. «A seguito di una ulteriore riduzione del personale medico, causa infortunio, non possibile garantire la presenza in ambulanza del ginecologo in caso di trasporto materno, per cui potendosi verificare l’evenienza che la sola presenza dell’ostetrica non sia sufficiente, si costretti a sospendere il servizio Stam, con decorrenza immediata e sino al ripristino di un congruo numero di ginecologi in servizio».

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione