Disagi e sorprese, la disavventura a lieto fine di Magda

Storie mar 24 gennaio 2023
Attualità di La Redazione
3min
L'odissea di Magda ©Termolionline.it
L'odissea di Magda ©Termolionline.it

SANTA CROCE DI MAGLIANO. Una testimonianza social che ha attraversato tutto l’Adriatico, risalendo fino a Milano, con la stampa locale che se ne è interessata, quella della famiglia Rosati, dopo la disavventura a lieto fine vissuta da Magda e raccontata dalla madre Antonella. «Ogni giorno ascoltando il telegiornale sentiamo notizie di cronaca che ci fanno rabbrividire e pensiamo a come stiamo diventando poveri di valori.

Vi racconto invece una storia bellissima accaduta sabato sera: ore 15.30 del 21 gennaio, mia figlia come tante altre persone aspettava il Frecciarossa delle ore 16.05 in partenza da Milano Centrale, non vedendo comparire il numero del binario sui tabelloni e vedendo una folla immensa dirigersi verso i tornelli prende atto che qualcosa sia successo... le viene detto che il suo treno parte da Rogoredo lei prende la metro e raggiunge questa stazione insieme a tanta altra gente... qui nessuno sapeva nulla del treno in partenza quindi tornano di nuovo tutti a Milano centrale dove nel frattempo alcuni treni con ritardo di ore sono partiti... intanto nessuno del personale sa delucidare i passeggeri a terra... nel frattempo sono le ore 19 e finalmente qualcuno comunica ai viaggiatori che possono salire sui treni successivi diretti verso il Sud, mia figlia si appresta a salire sul treno diretto a Pescara sapendo di poter contare sull’appoggio di un'amica per la notte viste le condizioni meteo avverse in atto in Molise. finalmente parte insieme a tante altre persone... dopo un poco cambiano i programmi, l’amica non può più ospitarla e tantomeno accompagnarla dalla stazione di Pescara in qualche hotel per motivi imprevisti strettamente personali.

La ragazza chiede supporto al personale del treno ma nessuno sa come sbrigare la faccenda...chiama il servizio taxi di Pescara ma nessun mezzo è reperibile, lei sapendo che a Santa Croce sta nevicando non interpella noi genitori per non mettere nessuno di noi in pericolo, prende atto che scenderà alle 12.30 di notte a Pescara da sola e vedere come fare è una ragazza abbastanza forte e risoluta nonché responsabile ma spuntano le lacrime che solcano il suo volto giovanissimo, si alza dal sedile , prende con sé la valigia ed esce dallo scompartimento, una ragazza bellissima (oggettivamente) la vede passare, scorge le sue lacrime e coglie il bisogno di aiuto, anche lei si alza, prende le sue cose e la raggiunge, le chiede con discrezione cosa fosse successo e Magda le racconta, la ragazza prova a chiamare il servizio taxi ma invano, allora le dice: ”Magda non preoccuparti io scendo a San Benedetto del Tronto se vuoi scendi con me, adesso chiamo il mio ragazzo che viene a prendermi e ti accompagniamo noi dalle tue amiche a Chieti".

Magda le dice di no perché sarebbe troppo il disturbo da parte loro, la ragazza la rassicura ancora e le dice con fermezza che non la lascerà sola. Arrivano a San Benedetto, scendono insieme dove il fidanzato della bellissima ragazza le attende, si mettono in macchina e il ragazzo le propone di mangiare qualcosa, Magda vuole offrire lei ma il ragazzo non accetta neppure un centesimo, prende da mangiare per lei e per la ragazza (con un tempo fuori da lupi!) Prende l’autostrada e accompagna mia figlia fino al campus di Chieti dove Martina (la cara amica di Magda) l’attende per ospitarla. Arrivano al campus, i due fidanzati scendono dalla macchina accompagnano Magda fin dentro la struttura, lui le porta la valigia, si salutano, Magda vuole restituire i soldi per le spese di gasolio, autostrada, cena ma loro non prendono nulla anzi sembra che siano stati amici da sempre; si salutano promettendosi di non perdersi mai... Una lezione di vita così bella non si vive ogni giorno e di questi tempi dove i valori non esistono più, l’indifferenza è di moda insieme alla cattiveria. Ringraziamo pubblicamente i due carissimi ragazzi, due raggi di luce in una sera buia d'inverno, grazie per la bellissima esperienza di vita».

Notizia commentata da un altro santacrocese doc, come l’ex sindaco, Giovanni Gianfelice: «In tempi di crisi di valori, paura, ristrettezze economiche, individualismo, egoismo e quant’altro, si trovano ancora persone, in questo caso due bravi giovani, altruisti, educati, rispettosi e riflessivi nell’avere aiutato una ragazza (a loro sconosciuta), sola, di notte ed in grave difficoltà. Meritevoli di encomio. Tutto ciò in una società civile dovrebbe essere la regola ma così non è e allora fa notizia ed è sicuramente una gran bella notizia. Comportamento esemplare da imitare. Bravissimi».

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2023 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione