Come diventare libero professionista?

Istruzioni per l'uso mar 10 maggio 2022
Dal web di La Redazione
2min
Come diventare libero professionista? ©TermoliOnLine
Come diventare libero professionista? ©TermoliOnLine

In Italia, sono moltissimi i modi attraverso cui è possibile entrare nel mondo del lavoro: c’è la strada da dipendente in un’azienda privata, quella da subordinato in una Pubblica Amministrazione o la carriera da libero professionista per chi vuole mettersi in proprio.

Secondo diverse stime, infatti, il nostro Paese è il primo in Europa per numero di lavoratori autonomi. Ma come ci si avvia in questo mondo? Seppur il primo pensiero corra spesso all’apertura della partita Iva, esistono delle valutazioni altrettanto importanti da fare: come quella relativa alle assicurazioni per liberi professionisti, fondamentali per proteggere l’andamento degli affari e garantire la continuità degli stessi.

Sul portale di MetLife è possibile trovare la polizza più adatta alle proprie esigenze: tutte le coperture dedicate sono semplici da stipulare e garantiscono di far fronte ai gravi imprevisti con somme importanti.

Ecco riportati di seguito i tre passi, che seguono la sottoscrizione dell’assicurazione, da fare per diventare libero professionista.

1 - Aprire la partita IVA

L’iter per aprire la partita IVA non richiede alcuna difficoltà ed è anche gratuito. Entro 30 giorni dal primo giorno di attività, bisogna inoltrare la richiesta formale all’Agenzia delle Entrate. La comunicazione va redatta sul modello AA9/7 (ditta individuale e lavoratori autonomi) o sul modello AA7/7 (società), entrambi scaricabili sul portale dell’Agenzia.

Una volta compilata, la dichiarazione può essere presentata scegliendo uno dei seguenti modi:

  1. In via telematica, utilizzando il software che si scarica dal sito dell’Agenzia delle Entrate
  2. Mediante una raccomandata con ricevuta di ritorno, allegando anche la fotocopia del documento di identità
  3. Recandosi fisicamente presso l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate presente sul territorio con il proprio documento di riconoscimento

In questa fase, bisogna scegliere anche il codice Ateco dell’attività: si tratta della combinazione alfanumerica che identifica la specifica attività economica.

2 - Aprire una casella di posta elettronica certificata

Dal primo ottobre 2020, per i professionisti e le aziende è scattato l’obbligo di fornirsi e di comunicare al Registro delle imprese il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, o PEC. La stessa serve per attestare il proprio domicilio digitale e, allo stesso tempo, per semplificare le comunicazioni formali con colleghi, imprese e Pubblica Amministrazione.

Come le vecchie raccomandate AR, la PEC ha valore legale e consente al mittente di ricevere una conferma che attesta la consegna del proprio messaggio al destinatario.

3 - Obblighi fiscali e previdenziali

L’ultimo passo per diventare liberi professionisti è ottemperare agli obblighi fiscali e previdenziali previsti dalla normativa. Per le denunce ai fini delle imposte comunali, l’autonomo deve notificare all’ufficio tributi del comune dove ha sede la società, l’ente o lo studio professionale mentre per i contributi è obbligatorio iscriversi alla gestione separata dell’INPS o alla cassa di appartenenza dell’albo professionale a cui si è iscritti. Ovviamente, una esclude l’altra.

Quanti professionisti ci sono oggi in Italia?

La Fondazione Osservatorio delle libere professioni di Confprofessioni ha presentato il VI Rapporto sulle libere professioni in Italia. Come si legge, nel 2020, 38 mila professionisti hanno chiuso l’attività ma il trend di lungo periodo è positivo.

Ad oggi, sono oltre 1 milione e 430 mila i professionisti in Italia, con le donne che, da ormai 10 anni, continuano a sostenere la crescita occupazionale. Dal 2010 il dato è aumentato di circa 165 mila unità.

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione