Ecco come potrebbe cambiare il calcio del futuro

Nel pallone mar 26 luglio 2022
Dal web di La Redazione
8min
Ecco come potrebbe cambiare il calcio del futuro ©TermoliOnLine
Ecco come potrebbe cambiare il calcio del futuro ©TermoliOnLine

In futuro il calcio richiederà ai propri atleti di essere più prestanti dal punto di vista fisico, cambiando anche il modo di allenarsi e di curare il proprio fisico. Il lavoro degli allenatori è quello di allenare al meglio i giocatori per avere successo in campo. Per questa ragione è fondamentale abbinare o addirittura aumentare i requisiti fisici, tecnici e tattici dei giocatori nelle attività di allenamento. I giocatori di calcio devono essere preparati ad ogni scenario durante un match, anche a quelli meno probabili, come l'eventualità di uno sforzo maggiore per disputare due tempi supplementari, ma anche a saper cambiare ruolo passando da un compito meno dinamico, ad un ruolo che richiede un maggiore sforzo e una maggiore prestanza fisica.

Comprendere le esigenze del gioco sembra essere di vitale importanza per migliorare le capacità di un giocatore. Un giocatore moderno deve saper ricoprire più ruoli e sapersi adattare in base alle esigenze richieste dalla partita. Per questo siamo interessati a sapere come sarà il calcio in futuro. Il modo di allenarsi di oggi, sempre più legato ai dati tecnici, agli algoritmi e alla tecnologia digitale, è cambiato in maniera radicale nel corso degli ultimi 10 anni.

Diversi studi pubblicati negli ultimi anni ci danno alcuni indizi su come sarà il gioco nel prossimo futuro. Alcune ricerche scientifiche hanno studiato l'evoluzione del gioco analizzando le finali della Coppa del Mondo dal 1966 al 2010 come base di partenza. In base ai loro risultati, è possibile simulare come sarà una partita di calcio in futuro utilizzando diversi modelli di regressione per gli indicatori a cinque partite:

Tempo di gioco reale (%) = 539,8 ─ 0,2419 x X, r=0,44; p=0,032.

Velocità della sfera (m/s) = ─42.958 + 0,026 x X, r=0,446; p=0,029.

Frequenza di passaggio al minuto = ─166,194 + 0,090 x X, r=0,796 p=0,0001.

Durata dei calci di punizione fuori porta = ─277,50 + 0,148 x X, r=0,18; p=0,0001.

Durata dei calci di punizione in porta/i = ─1088,4 + 0,573 x X, r=0,36; p=0,0104.

Il tempo reale del gioco è diminuito in modo significativo nel periodo 1966-2010, passando dal 64,23% al 53,66%. Nel 2030 questo valore potrebbe attestarsi al 48,74%. La velocità della palla è aumentata notevolmente nel periodo 1966–2010 di quasi 1,20 m/s. Se questa tendenza dovesse confermarsi anche in futuro, raggiungerà i 9,73 m/s nel 2030. La frequenza dei passaggi al minuto è aumentata da 10,75 nel 1966 a 14,71 nel 2010. Nel 2030 potrebbe salire a 16,51 al minuto. Anche la durata dei calci di punizione in porta, oltre a quelli no, è notevolmente aumentata. I giocatori dedicano più tempo ai calci di punizione, specialmente quelli in porta. Nel 2026 si prevede che una punizione impiegherà 74,79 secondi per essere battuta, rispetto ai 38,12 del 1966.

Anche il profilo delle prestazioni fisiche è cambiato negli ultimi anni. Secondo vari studi,4,5 la distanza totale percorsa dai calciatori è oggi simile a quella di 10 anni fa. Tuttavia, il numero di sprint e azioni ad alta intensità è aumentato e la distanza percorsa durante questi sforzi è diminuita nelle ultime stagioni. In altre parole, più interventi ad alta intensità ma con durata e distanza più brevi. Insomma, il gioco del calcio si sta evolvendo, di pari passo con l'evoluzione della tattica di gioco e delle nuove consapevolezze acquisite dagli allenatori. Il gioco fisico ormai ha la preponderanza rispetto alle qualità tecniche, sacrificando in parte anche lo spettacolo.

In definitiva, sembra che il calcio continuerà ad evolversi verso un gioco più veloce, dove il livello tecnico dei giocatori sarà più alto e dove gli sforzi ad alta intensità saranno più un fattore determinante. Il tempo di gioco diminuirà progressivamente fino a quando non ci sarà più tempo senza che i giocatori giochino rispetto a quello con la palla in gioco. Inoltre, le situazioni di palla morta acquisiranno maggiore importanza. Il Covid, paradossalmente, è stato un volano per l'evoluzione del calcio, a partire dalle 5 sostituzioni, decise proprio per gestire meglio gli atleti dal punto di vista fisico.

Gli addetti ai lavori e i membri degli staff tecnici dovranno tenere presente questa evoluzione per preparare i giocatori alle partite nel miglior modo possibile. E' molto probabile che, anche in previsione di una diminuzione del tempo effettivamente giocato, l'International Board del calcio possa decidere di cambiare le regole, applicando il tempo effettivo nel calcio, con due tempi da 30 minuti. Esattamente come si fa nel basket. Ogni volta che il gioco si ferma per una punizione, un rigore o una rimessa laterale, si ferma anche il tempo. Magari verranno inseriti i time out e rese illimitate anche le sostituzioni.

La digitalizzazione e le evoluzioni tecnologiche hanno già sostanzialmente cambiato il calcio e tutto il mondo che gira attorno a questo sport. Anche il modo di scommettere sul calcio sta cambiando. Oggi i bookmakers utilizzano le promozioni per attrarre un numero maggiori di clienti con offerte mirabolanti e soluzioni di gioco mai viste prima come quelle offerte dal sito Rabona. Basta avere ad esempio, un codice promo Rabona per poter giocare subito e avere a disposizione molti più soldi da giocare rispetto a quelli effettivamente depositati.

In futuro la presenza della tecnologia sarà ancora più evidente. Immaginate la partita di apertura della Coppa del Mondo 2026 in Nord America. Nella panchina magari non ci sarà più allenatore elegantemente vestito, ma un robot che impartisce ordini e fa le sostituzioni. I commissari di campo magari spariranno per sempre e ancora una volta saranno i robot a gestire il gioco e a dirigere le operazioni. In tribuna i tifosi analizzano le decisioni del VAR su cuffie specializzate, prima di votare le sostituzioni con il tocco di un'App. Chi è a casa sarà immerso nell'azione come mai prima d'ora, con minuscole telecamere attaccate ai giocatori che offrono ai fan un angolo POV unico del bellissimo gioco.

Il Video Assistant Referee al momento sta facendo molto discutere, animando il dibattito tra i tifosi e tra gli addetti ai lavori, ma questa implementazione è solo l'inizio di una lunga serie di novità che stravolgeranno il mondo del calcio. Abbiamo fatto un salto in avanti di alcuni anni per ipotizzare quattro possibili implementazioni tecnologiche che potrebbero presto diventare elementi fondamentali dello sport più popolare al mondo.

Videocamere per giocatori POV

Abbiamo già microfonato gli arbitri nel rugby e visto i commentatori comunicare con i difensori durante le partite di cricket, ora in futuro il calcio potrebbe unirsi alla apoteosi elettronica sul campo offrendo GoPro ai giocatori per un angolo di gioco POV senza rivali.

Le GoPro sono di gran moda in questo momento. Hanno cambiato il modo in cui vediamo il mondo, in particolare l'arena degli sport estremi. Le telecamere stanno diventando sempre più piccole e se i nerd tecnologici di domani possono trovare un modo per i giocatori di sfoggiare un dispositivo microscopico che non influisca sulle prestazioni - magari intrecciato in una maglia - allora il modo in cui vediamo il calcio potrebbe essere completamente alterato. Immagina di sentirti come se fossi nei panni di Lionel Messi mentre dribbla tutti gli avversari e deposita il pallone in rete.

Intelligenza artificiale

Il mondo è diventato sempre più preda dell'intelligenza artificiale. Ci siamo abituati ai punti self-service nei negozi e ai robot di linea nelle fabbriche, e il calcio potrebbe essere il prossimo contesto dove l'Intelligenza artificiale svilupperà le proprie potenzialità. A febbraio, il Wingate & Finchley FC, squadra che gioca a bassi livelli, è diventata la prima squadra in assoluto a impiegare un robot manageriale sotto forma di un allenatore di calcio con intelligenza artificiale, che aveva il potere di impartire istruzioni, suggerire modifiche tattiche e motivare i giocatori.

In futuro potremmo non aver nemmeno bisogno di arbitri, poiché le decisioni potrebbero essere decise dai robot. Gli arbitri potrebbero essere sostituiti del tutto, oppure potrebbero essere forniti loro dispositivi che consentano loro di vivisezionare l'azione da qualsiasi angolazione, completi di funzioni di zoom avanti e indietro e riavvolgimento rapido. Gli arbitri saranno integrati dagli assistenti dell'IA dei droni da calcio. Insomma, una vera e propria svolta per ridurre il margine di errore nelle decisioni.

L'impatto del pubblico sul match

I fan si riversano sulle piattaforme di social media Twitter, Facebook e Instagram ogni secondo del giorno per esprimere le loro opinioni sull'andamento della propria squadra del cuore. I tifosi sono spesso citati come "il 12° uomo", ma in futuro le loro azioni interattive potrebbero influenzare una partita.

Nel 2016 una squadra di calcio del Big Smoke, lo United London FC, voleva restituire il potere ai tifosi, rendendoli di fatto allenatori; consentendo ai fan di votare per determinare la formazione di partenza ogni settimana.

Abbiamo già parlato della possibilità di fotocamere microscopiche nelle magliette. Grazie alla realizzazione di tessuti intelligenti, questi kit potrebbero diventare dei validi alleati per i calciatori, soprattutto per prevenire gli infortuni. Si potrebbe realizzare un kit per ridurre l'impatto dei contrasti tra i giocatori. In futuro potrebbe diventare obbligatorio per ogni giocatore indossare dei caschi protettivi.

Potrebbero i giocatori stessi avere microfoni e auricolari, che consentano loro di comunicare con i compagni di squadra dall'altra parte del campo, o magari con un allenatore a bordo campo o sugli spalti. Se gli spettatori sono collegati a queste conversazioni, si aggiungerebbe un altro elemento all'intera esperienza di gioco. Magari si tratta solo di fantasticherie o di ipotesi azzardate, ma ad oggi sembrano esserci davvero tutte le premesse per un impatto pesante dell'intelligenza artificiale anche nel mondo dello sport.

L'introduzione di nuove regole e l'avvento della tecnologia nel calcio, iniziato proprio con l'introduzione del Var, hanno ormai avviato un percorso dal quale è ormai possibile tornare indietro e le cui potenzialità, almeno finora, sono del tutto imprevedibili. Non è detto che il calcio del futuro, con le sue interattività e le sue maggiori certezze, possa davvero rappresentare ancora un piatto appetibile per i tifosi. Di certo verranno effettuati esperimenti nei prossimi anni, anche per capire quanto la tecnologia possa davvero rendere il calcio più appassionante e spettacolare. Le velleità di ridurre al minimo gli errori arbitrali rischia però di togliere la componente "umana" ad una partita di calcio. Proprio quella componente che ha animato i dibattiti e alimentato ancora di più la passione sportiva. Un calcio senza errori, più oggettivo e tecnologico, non è detto che sia anche più intrigante e divertente. Ai posteri l'ardua sentenza.

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione