Quando si ha l’acquolina in bocca: il pet food in Italia

DAL WEB ven 09 settembre 2022
Dal web di La Redazione
2min
Quando si ha l’acquolina in bocca: il pet food in Italia ©TermoliOnLine
Quando si ha l’acquolina in bocca: il pet food in Italia ©TermoliOnLine

Passano gli anni e i periodi storici, ma la maggior parte delle persone non riesce a stare senza un animale domestico in casa. Cane, gatto, pesce, pappagallo o qualsiasi altro animale vengono sempre messi al primo posto, a volte sembrando un po’ i principi della casa. I primi due che abbiamo menzionato sono sicuramente quelli più presenti, e quando a uno dei due viene fame non c’è attesa che tenga.

Negli anni il settore del pet food si è sviluppato in maniera notevole, sia in Italia che nel mondo. Molte sono le aziende che producono questo genere di cibo e altrettante sono quelle che producono oggetti e accessori per i nostri migliori amici. In questo articolo scopriremo qualche curiosità su questo settore e sulla sua importanza nella vita quotidiana.

Quanto si fa caso all’alimentazione degli animali?

Stando ad alcuni dati del 2021, sono più di 62 milioni gli animali domestici presenti in Italia. Tra cani, gatti e altre specie, gli animali restituiscono al loro padrone quel senso di spensieratezza ed energia che accompagna al meglio le giornate. C’è chi di questo affetto verso gli animali ha voluto fare un business, con aziende che producono da molto tempo articoli e oggetti per animali, ma il focus viene messo soprattutto sul cibo.

Il “pet food” per cani e gatti ha generato ben 2.432 milioni di euro in un anno, dando vita ad un settore davvero interessante anche sotto il lato economico. Per chi tiene al proprio animale, l’alimentazione è sicuramente una delle cose più importanti a cui pensare. Ecco perché spesso si va a cercare l’alimento giusto e la ricetta giusta per uno dei momenti più importanti nella giornata di un animale: il pasto quotidiano.

Il business del pet food

Tra giochi, guinzagli e collari, sono molti gli accessori e gli oggetti dedicati agli animali in vendita, ma sul cibo bisogna fare un discorso diverso. Partiamo da alcuni dati: il business del pet food ha generato l’8% in più, nel 2021, rispetto all’anno precedente, e ciò è dovuto anche al periodo di lockdown passato dentro casa con i propri animali.

C’è chi preferisce curare più il suo cane o il suo gatto che sé stesso, perciò dedica tempo e denaro per soddisfare al meglio i desideri del proprio amico animale.

La sola lettiera per il gatto ha aumentato il proprio valore di più del 14%, con prodotti igienici come tappetini e simili che sono aumentati del 7%. Questi articoli e generi alimentari hanno aumentato il loro prezzo anche per via della situazione economica italiana, ma vengono comunque comprati da coloro che cercano offerte online o su fonti come il volantino Risparmio Casa o di qualsiasi altro negozio che vende questi prodotti, che sono sempre di più e sempre più forniti per ogni evenienza.

Quel che è sicuro, è che il settore alimentare e non dedicato agli animali è in un vero e proprio momento di picco, con un aumento generale delle vendite e del fatturato nonostante le difficoltà che questo periodo ci sta riservando.

Come abbiamo visto, il settore del pet food e degli oggetti legati ai nostri animali domestici è in netta crescita, ed è uno dei pochi che ha saputo affrontare degnamente le difficoltà legate a questo periodo piuttosto delicato sotto il lato economico. Prendersi cura dei propri animali è sacrosanto, perciò se le vendite sono in crescita vuol dire che per gli italiani avere un animale in famiglia è sicuramente una delle cose più belle che possano mai capitare.


Galleria fotografica

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione