A 30 anni da Mani Pulite, Campopiano: «Ci sono ancora macerie da rimuovere»

mar 15 febbraio 2022
Esclusiva di Emanuele Bracone
1min
A 30 anni da Mani Pulite, Campopiano: «Ci sono ancora macerie da rimuovere»

TERMOLI. Settimana storicamente importante, molto importante, quella attuale.

Un tam-tam informativo rievoca un fatto giudiziario che determinò un effetto domino incredibile, chiamato Tangentopoli, o se preferite, Mani Pulite.

Già alcuni speciali sono stati trasmessi in rete e sono programmati nelle emittenti principali, nell’avvicinarsi di quel 17 febbraio 1992, in cui un arresto, quello di Mario Chiesa, presidente del Pio Albergo Trivulzio di Milano, all’apparenza senza grande clamore, fu il grimaldello che portò ad annientare la Prima Repubblica.

Occasione di riflessione, approfondita, in un dialogo-intervista con l’avvocato di matrice socialista Oreste Campopiano, che visse sul piano giuridico e politico quella stagione.

Oggi la commenta come presidente del Consiglio dell’ordine forense frentano e soprattutto come osservatore di quello che è avvenuto nei tre decenni che ci separano dall’avvio dell’inchiesta giudiziaria che rottamò l’allora classe dirigente pentapartitica e che fece diventare i magistrati del pool meneghino autentici eroi, proiettando soprattutto la figura di Antonio Di Pietro.

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione