«Soglia elettorale portata al 5%, è una vergogna», insorge l'opposizione a Palazzo D'Aimmo

Fuoco di sbarramento ven 13 maggio 2022
Politica di La Redazione
2min
La seduta di ieri del Consiglio regionale ©TermoliOnLine
La seduta di ieri del Consiglio regionale ©TermoliOnLine

CAMPOBASSO. Non usano mezzi termini i consiglieri regionali di opposizione per quanto avvenuto ieri sera a Palazzo D'Aimmo, parlano apertamente di vergogna.

«Quello che è appena accaduto in Consiglio regionale è assurdo e vergognoso: violando le regole stabilite dalla stessa maggioranza, il centrodestra ha presentato fuori tempo massimo un emendamento per modificare la legge elettorale regionale ad un anno dal voto, poi approvato a maggioranza.

Un blitz all'oscuro dei molisani con cui il centrodestra intende negare la possibilità a tante piccole liste civiche di trovare rappresentanza all’interno della massima assise regionale alzando la soglia di sbarramento dal 3% al 5%.

Il dato, ad ogni modo, al di là del merito è uno: mentre il Molise muore, loro pensano a squallidi giochetti elettorali piuttosto che impegnarsi per risolvere i problemi della nostra sanità, i problemi dei molisani su lavoro, ambiente, cultura turismo.

Nessun dibattito col territorio su una delle leggi più importanti che riguarda proprio i molisani e il loro diritto di voto. Nessun confronto. Un metodo dittatoriale e immorale. Una decisione arrivata come un fulmine a ciel sereno nella notte del Bilancio, nell'ombra delle coscienze distratte dei molisani.

Ps: se c'è una sola cosa positiva è che la storia ci insegna che chi cambia la legge elettorale, perde le elezioni», a esprimersi così è il consigliere regionale e portavoce del Movimento 5 Stelle Valerio Fontana.

Il gruppo consiliare dem, formato da Micaela Fanelli e Vittorino Facciolla definisce l'innalzamento della soglia al 5% «Un’aberrazione democratica nel metodo e nel merito, il colpo di mano della maggioranza, che con un emendamento presentato fuori tempo massimo, in sede impropria come il bilancio, cambia la legge elettorale a vantaggio esclusivo dei consiglieri in carica nei partiti maggiori».

«Con lo sbarramento al 5%, infatti, si avvantaggiano i partiti e le coalizioni più grandi, con buona pace del pluralismo democratico della società molisana, dei diritti di rappresentanza, della possibilità di tutti, soprattutto dei piccoli partiti e movimenti, di poter accedere ai seggi del Consiglio regionale.

Così riversando all’esterno l’immagine di una classe politica attenta solo alla propria sopravvivenza, senza tenere minimamente conto delle esigenze e della volontà dei cittadini, stracciando ogni regola democratica a meno di un anno dalle elezioni.

Un golpe in piena regola, perpetrato da una maggioranza di centrodestra, e che rappresenterà la sua pietra tombale, un boomerang che gli elettori molisani scaglieranno contro i consiglieri che così facendo, pensano di poter mettere a tacere partiti minori e movimenti civici.

Lo diciamo da rappresentanti di un partito che probabilmente si avvantaggerà di questa norma: oggi si è stracciata, ancora una volta, la democrazia.

Oggi Toma e i suoi consiglieri hanno scritto la pagina più deprecabile e più detestabile della peggior legislatura della Regione Molise».

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione